João Batista Vilanova Artigas – Faculdade de Arquitetura e Urbanismo – San Paolo

L’architetto può essere definito come un intermediario fra alcune volontà sociali e la consapevolezza del valore culturale che l’architettura, come “arché”, rappresenta per la società. Mi affascina usare forme pesanti e, arrivati vicino al suolo, negarle dialetticamente. Trasformare le mie colonne in qualcosa che, agli occhi di un ingegnere esigente, facciano dire: “Questa porcheria crollerà”.
J.B.V.Artigas

architrama

Nato nel 1915 a Curitiba, João Vilanova Artigas si laurea come ingegnere-architetto nel 1937 presso la Scuola politecnica dell’Università di San Paolo. Nel 1944, aderisce al Partito Comunista; nel 1948, è tra i fondatori della Facoltà di architettura e pianificazione di San Paolo (FAU-USP). Nel 1953, visita l’Unione Sovietica, ma ne rimane deluso, entrando in una sorta di crisi personale. Dopo il colpo di stato militare del 1964, Artigas viene arrestato ed esiliato in Uruguay. Solo nel 1979 ritorna a insegnare alla FAU-USP. Muore nel 1985.

Il progetto è stato concepito nel 1961 dagli architetti paulisti João Batista Vilanova Artigas e Carlos Cascaldi, che hanno legato i propri nomi al movimento architettonico della Scuola Paulista, una parte degli architetti principali della storia di San Paolo, data la vasta quantità di opere costruite e il riconoscimento, di molti di questi, a livello internazionale.
Il progetto è basato sull’idea di generare una autentica continuità spaziale, pertanto, i sei livelli sono collegati da un sistema di rampe che cercano di dare la sensazione di un unico piano, promuovendo percorsi continui e aumentando sia il grado di coesistenza che l’interazione tra gli utenti: una promenade.
Lo spazio è aperto ed integrato; evita divisioni e, anzi, tenta di conformare uno spazio funzionale ma fluido, unitario; concepito a partire da un ampio ambiente centrale, intorno al quale, sono distribuite tutte le aree funzionali.
Non ci sono cancelli o luoghi di risulta, bensì, esso appare come un grande luogo dove poter svolgere tutte le mansioni richieste.
Con le sue facciate in calcestruzzo “brutalista”, su di una porzione arretrata e loggiata, in vetro, l’edificio rispetta le caratteristiche di uno luogo adatto per una scuola di architettura, quale sede di sperimentazione e di apprendimento per gli allievi.
La struttura esprime la grazia con la quale i materiali le danno forma, oltre a permettere alla luce di esaltare le semplici forme che costituiscono l’immagine di leggerezza della costruzione, nonostante il peso e la forza che esercita sul suo ambiente.

Architetto: João Vilanova Artigas, Carlos Cascaldi
Località: San Paolo, Brasile
Cronologia: 1961(progetto)-1968(costruzione)
Strutture: Ferraz Figueiredo Desktop
Impresa: Gestione delle ANR Cidade Universitaria


, , , , , , , , , ,

Archisquare c'è!

I nostri articoli di architettura e design via mail o sui social: